PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

simbiosi

Lascia un commento

mi chiedevo l’altro giorno, dopo una discussione con il mio compagno sul tema simbiosi mamma bambino, se questa dimensione esista davvero o sia una di quelle letture “psico” della realtà madre bimbo che tendono a ricondurre tutto ai propri paradigmi.
sarà perchè oramai non c’è aspetto della nostra esistenza che sia scannerizzato tramite il suffisso “psi”,così come proliferano:
le riviste femminili a taglio psicologico,
le formazioni in ogni ambito dell’esistenza,
persino a scuola ciò che si evidenzia è l’aspetto psicologico di un luogo deputato all’insegnamento e all’educazione (pedagogisti ed educatori sono merce obsoleta).
e spesso la psicologia finisce per parlare di aspetti malati, della sofferenza, del malessere senza mai provare a sovrapporli alla complessità della vita, e alle molteplici letture che sottostanno a molti fenomeni.
ed in ciò pecca di riduzionismo.

ma la simbiosi, questa simpatica categoria  identificata nel ’50 fra i bambini con problemi patologici ed ora appiccicata a tutto, mi turba un pò.
possibile che per identificare la primigenia relazione mamma/bambino si sia dovuto ricorrere ad una scienza che è nata per curare?
nella altre culture tale relazione con che connotati è identificata??
ha una identità così potenzialmente patogena?


e poi, a me, sembra una dimensione molto umana/animale per via di quell’istinto deculturalizzato che induce a tenere vicino il proprio cucciolo, nutrirlo, proteggerlo, scaldarlo, crescerlo fino a che non sia pronto a vivere più autonomamente. (la dobbiamo perciò chiamare proprio simbiosi???)

e se è vero che il padre ha la funzione di introdurre il terzo elemento e la scissione della simbiosi, per permettere a mamma e bambini di evolvere separatamente; questa è una funzione naturale o una necessità culturale, sorta di controllare questa relazione.
ovvero quanto questa funzione è data da natura e quanto dalla cultura predominante?
mamma e bambino non sono capaci di separarsi da soli?
o così è perchè siamo abituati a pensare che così deve essere?

monica
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...