PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

solidarietà pelosa – POST PESANTE

12 commenti

Siamo tutti più buoni e commossi dopo Telethon. 


Dopo aver pensato che il bel bambino disabile guarirà grazie al nostro sforzo economico. 
E’ natale … è tutti siamo più buoni.

 Ma quel bambino sarà ancora così simpatico quando il “programma” della classe in cui è inserito, insieme a nostro figlio subirà i ritardi e le lamentele della maestra … 
Se un sottile filo di bava inumidirà il quaderno del nostro bambino, così ordinato e preciso, o peggio se in un momento di crisi gli si getterà addosso. 
Sarà solo una lite tra bimbi che si smitizzeremo subito o rabbrividiremo per l’aggressione, con un sottile disgusto verso la diversità?

E i commentatori tv che tanto si sono spesi in un programma così solidale, sapranno smettere di indulgere nel pietismo insincero verso le malattie, le disabilità, le difficoltà o ricominceranno subito a trarre fuori da ogni storia l’agognato scoop, e insieme il lato umano, il deforme, il mostruoso, compiacendosi del trash televisivo?

Abbiamo pagato tanto per “sentirci” solidali, esserlo davvero sta altrove.

Abbiamo visto gare di solidarietà fatte di soldi, per non agirla in primo piano.

Peraltro lo Stato Italiano si può ancora impegnare nel risparmiare soldi per la ricerca, la cultura, la formazione, l’educazione che sarebbero armi ben più potenti contro le malattie e contro il modo di vivere, assai bieco, che oramai abbiamo.

Tanto gli Italiani Brava Gente _ anche in un momento economicamente così difficile_ hanno saputo Essere Ancora Così Generosi verso i Più Sfortunati di Loro.

Bene!
Bravi!
Bis!
Grazie!


(questo post è ispirato ad una ricerca recente che rileva come la solidarietà che viene sempre più espressa in forma monetaria e sempre meno in opere concrete, nella vita quotidiana)
Annunci

12 thoughts on “solidarietà pelosa – POST PESANTE

  1. Niente da aggiungere. Hai PERFETTAMENTE ragione.

    A me viene un po’ di disgusto, di fronte a tutto questo pelo sullo stomaco e alle manine che corrono al portafogli tutte piene di sé.

  2. Niente da aggiungere. Hai PERFETTAMENTE ragione.

    A me viene un po’ di disgusto, di fronte a tutto questo pelo sullo stomaco e alle manine che corrono al portafogli tutte piene di sé.

  3. E poi mi piacerebbe sapere quanti realmente arriveranno a buon fine.

  4. E poi mi piacerebbe sapere quanti realmente arriveranno a buon fine.

  5. Per una questione di “pelle”, di suono, non ha mai stuzziacato la mia solidarietà la parola Telethon: troppa organizzazione, troppi media, troppa pubblicità, forse?
    Hai dato senso al mio fastidio.
    La Zia

  6. Per una questione di “pelle”, di suono, non ha mai stuzziacato la mia solidarietà la parola Telethon: troppa organizzazione, troppi media, troppa pubblicità, forse?
    Hai dato senso al mio fastidio.
    La Zia

  7. @chiaramente credo che la solidarietà possa anche prendere forme monetarie, es quando dirette verso enti che operano in ambito extraitaliano, vedi adozioni a distanza e finanziamenti ad enti che operano per la pace o la salute nei territori di guerra.
    ma appunto è un altro modo di praticare solidarietà…
    per teelthon confermo quanto detto, meglio un pò più di rispetto nel qui ed ora che un euro speso via sms

  8. @chiaramente credo che la solidarietà possa anche prendere forme monetarie, es quando dirette verso enti che operano in ambito extraitaliano, vedi adozioni a distanza e finanziamenti ad enti che operano per la pace o la salute nei territori di guerra.
    ma appunto è un altro modo di praticare solidarietà…
    per teelthon confermo quanto detto, meglio un pò più di rispetto nel qui ed ora che un euro speso via sms

  9. no, io voto anche per la ricerca. ma forse è perchè ho malattie rare che mi toccano da vicino.
    per il resto, però, concordo con te: imparassero a trattare chi ci vive, in questi incubi, come propri simili, invece che come errori della natura…

  10. no, io voto anche per la ricerca. ma forse è perchè ho malattie rare che mi toccano da vicino.
    per il resto, però, concordo con te: imparassero a trattare chi ci vive, in questi incubi, come propri simili, invece che come errori della natura…

  11. @ganja … capisco il problema…
    ma quello che andava sottolineato è che la ricerca va avanti perchè ci sono iniziative così … e lo stato non investe….
    e che sarebbe meglio che invece di sganciar soldi le persone accettassero gli altri per ciò che sono…. ma penso che ci siamo capite ugualmente … o no?

  12. @ganja … capisco il problema…
    ma quello che andava sottolineato è che la ricerca va avanti perchè ci sono iniziative così … e lo stato non investe….
    e che sarebbe meglio che invece di sganciar soldi le persone accettassero gli altri per ciò che sono…. ma penso che ci siamo capite ugualmente … o no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...