PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

i conti che non tornano: 600 …. morti 1400 ….morti

4 commenti

1. 600 sono i morti di quest’anno (credo ’08) da “omicidio” e insicurezza sociale, quella tanto sventolata insicurezza che chiede tante ronde e non ha i soldi per riparare le volanti di polizia e c.c. …

2. sono 1400 i morti sul lavoro, ma non è una notizia troppo interessante … a meno che non si tratti di fenomeni mediatici interessanti (thyssen) e di cui non si può evitare di parlare.
intanto si rischia, statisticamente più sul lavoro, che non per strada.
come mai il fenomeno uno è assai più sbandierato del due??
Annunci

4 thoughts on “i conti che non tornano: 600 …. morti 1400 ….morti

  1. poi ci sono delle singole morti che colpiscono duro. che sembrano tante ed invece è uno. che però se le guardi allargando un po' il fisheye coinvolge anche altre due, tre, situazioni di morte.
    ieri un bambino di 9 anni si è impiccato.
    non è un morto per la strada, non è un morto sul lavoro: è un morto (piccolo) da assenza di intervento sociale.
    su quel comune ci lavoriamo come cooperativa con il servizio di adm a cui lui non è arrivato. una collega mi dice che per il paese si dice, ora, che era un bambino un po' sofferente. ma nessuno se n'è mai fatto carico.
    e lui, ieri, a 9 anni, si è impiccato.
    sono decisamente incredula ed allibita.

  2. poi ci sono delle singole morti che colpiscono duro. che sembrano tante ed invece è uno. che però se le guardi allargando un po' il fisheye coinvolge anche altre due, tre, situazioni di morte.
    ieri un bambino di 9 anni si è impiccato.
    non è un morto per la strada, non è un morto sul lavoro: è un morto (piccolo) da assenza di intervento sociale.
    su quel comune ci lavoriamo come cooperativa con il servizio di adm a cui lui non è arrivato. una collega mi dice che per il paese si dice, ora, che era un bambino un po' sofferente. ma nessuno se n'è mai fatto carico.
    e lui, ieri, a 9 anni, si è impiccato.
    sono decisamente incredula ed allibita.

  3. La paura.

    La strategia della paura per vendere: paura di non essere accettati, di non far parte del gruppo, e allora giù orpelli e simboli (status symbol, no?), paura che l'uomo nero ci porti via ciò che è nostro (ciò che abbiamo PAGATO) e allora assicurazioni, antifurti, guardie giurate.

    La strategia della paura per governare, tenere ognuno inchiodato al suo posto, che non ci si guardi troppo intorno, che non si alzino veli, che quelli che stanno mangiando dalla greppia possano continuare a farlo indisturbati, sempre di più, loro ed i loro amici.

    E le nuove camicie nere come le si giustifica diversamente?

    I morti sul lavoro rompono solo i coglioni, mi si perdoni la finezza, impedirebbero di prendere scorciatoie, obbligherebbero a spendere qualche soldino nella solidità e sicurezza dell'azienda e dei suoi lavoratori, che in banca non figurano in nessun conto di dare / avere. Che se ne parla a fare?

    Bell'Italia per davvero!!

    /graz

  4. La paura.

    La strategia della paura per vendere: paura di non essere accettati, di non far parte del gruppo, e allora giù orpelli e simboli (status symbol, no?), paura che l'uomo nero ci porti via ciò che è nostro (ciò che abbiamo PAGATO) e allora assicurazioni, antifurti, guardie giurate.

    La strategia della paura per governare, tenere ognuno inchiodato al suo posto, che non ci si guardi troppo intorno, che non si alzino veli, che quelli che stanno mangiando dalla greppia possano continuare a farlo indisturbati, sempre di più, loro ed i loro amici.

    E le nuove camicie nere come le si giustifica diversamente?

    I morti sul lavoro rompono solo i coglioni, mi si perdoni la finezza, impedirebbero di prendere scorciatoie, obbligherebbero a spendere qualche soldino nella solidità e sicurezza dell'azienda e dei suoi lavoratori, che in banca non figurano in nessun conto di dare / avere. Che se ne parla a fare?

    Bell'Italia per davvero!!

    /graz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...