PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

la mariastella e la maternità

4 commenti

«È un processo di trasformazione fisica e di autoanalisi, di riscoperta di se stesse e di scoperta di una vita che resterà per sempre, visceralmente, legata a noi» dice la dottoressa Piloni. Non abbiate fretta di lasciare il lavoro. Ma nemmeno di ritornarvi. «Libertà non è aderire al modello maschile». Gravida, ergo sum. Gaia Piccardi

Comincio dalla fine di questo articolo del Corriere

E … UNO

A me, la maria star fa anche tenerezza, e lo dico sul serio, in quella volontà di potenza che deriva dal non sapere quasi nulla di una vita che verrà. Del pensare che la carriera viene prima anche di se stesse, del tempo per sapere chi si è e chi si diventerà. La maria star sembra una donna grande, adulta, consapevole e con quel suo particolare cipiglio, quella serverità che ben si attaglia ad un ministro dell’istruzione.

E DUE …

Nessuna mistica della maternità, ma è una questione che ti cambia la vita, non è meglio o peggio. Ma cambia. Ed hai un figlio in pancia per 9 mesi, nella tua pancia. Ci sono paure e rischi. C’è la responsabilità verso un altro, che se (IO) dovessi fare tenere le mie figlie solo da altri – perchè devo subito tornare a lavorare – non farei figli.

Se non stessi con loro, se non mi preoccupassi di farle crescere ed andare, se non potessi coccolarmele o incazzarmi perchè fanno danni, se non potessi aver bisogno di un pò di ossigeno per me … insomma se non mi vivessi la maternità per ciò che è …

Mica sono uno status symbol, i figli dico, come lo è una borsa di prada. Qualcosa da “avere”.

Si fanno perchè c’è qualcosa da lasciare, da passare, di sè e della propria vita, qualcosa che ci trascende. Mica perchè lo dico io, ma perchè il DNA ha leggi più forti e ineludibili anche del Ministro della Pubblica Istruzione o quel che è ….

E TRE

Sarà che quel pochissimo di zen che ho dentro dice che il bersaglio è dentro di noi e non fuori; e la carriera perde il suo senso se non ci permette di realizzarci come interezza, così come avviene parallelamente per la maternità, quando e se rinuncio a me stessa per essere madre …. Se il mio bersaglio diventa fare carriera, essere la ministra irreprensibile che non perde un colpo, e mostrare a tutto e tutti che sono la più brava a varare leggi mentre partorisco. Spingo e voto, voto e spingo.

E QUATTRO

Ma come funziona ‘sta cosa? Mi sembra che manchi un salto concettuale, uno che presidia e legifera sulla formazione, istruzione, educazione di una intera nazione è il primo che rinuncia a fare proprio quello che si propone di far fare agli altri.

Invece di fare tanto la superdonna, che a-noi-mamme-se permette-un pò-più-scafate, puzza già sin dall’inizio, perchè la mariastar non si mette a pensare al suo problema di come sono gli asili per il suo e i nostri bimbi, e le scuole e via dicendo, perchè non pensa che proprio perchè immersa nel flusso della (propria) maternità potrà capire qualcosa di nuovo e diverso sull’educare e insegnare.

Perchè non pensa che se si, acc, avrà bisogno purtroppo della baby sitter sarà meglio che sappia lavorare o che abbia un buon inquadramento formativo, o che vorrebbe tanto un asilo nido “Aziendale” nelle bouvette, per potre fare il suo lavoro sapendo che può anche correre dal suo cucciolo per la pappa…

Non grazie maria star dal tuo fare la super donna non impariamo nulla, dalla tua fatica molto di più soprattutto se poi diventa leggi buona per le madri e le famiglie, che contemplino la convivenza per tutti tra lavoro e affetti e bebè. Proprio grazie al doppio ruolo di donna gravida e parlamentare hai  la possibilità di imparare e pensare cose più adeguate. Sarebbe un peccato non sfruttare proprio questa chance che ci permette la maternità.

Imparare,

insegnare,

imparare ad imparare,

imparare ad insegnare,

insegnare ad imparare.

Ecco l’ho detto. Male che le vada ci sono sempre le mamme blogger che scafate lo sono ... (it mom promette aiuto e noi pure!!!)

Annunci

4 thoughts on “la mariastella e la maternità

  1. La Piloni è la mia ginecologa, mamma tre figli, molto brava, omeopata, ha scritto anche un libro erotico pubblicato l’anno scorso.
    Sulla borsa di Prada, preferisco le mie figlie; comunque sì purtroppo è uno status symbol per molte e queste cacche sono quelle che hanno delle gravidanze semplici semplici e manco fanno fatica a spararli fuori, quando si rtitrovano il bebè fra le mani non sono certo pronte e consapevoli. Che merystar si riproduca è angosciante che qualcuno se la bombi o l’abbia fatto ancor più!

  2. @extra io una borsa firmata non so cosa sia, ma è ovvio che il punto non è questo, come non lo è nemmeno chi sia il padre del bambino (figurarsi me la immaginavo 44enne e single), come non lo sarà nemmeno se avrà una gravidanza simil vacanza premio alle seycelles …
    è che quello che dice è una cassa di risonanza bestiale e che non tiene conto della complessità dell’essere donne …

    è triste e diseducativo in qualche modo …

  3. dopo le parole di fuoco di extramamma anche se ero pronta all’atacco mi sono sentita una mammoletta. le parole della gelmin sono prive di senso, li non farà come tutte le mamme perché lei non è tutte le mamme. avrebbe fatto meglio a dire, questa gravidanza mi insegnerà molte cose, mi aiuterà a capire meglio le esigenze delle famiglie e dei bambini, ora che ho la possibilità di vivere questa esperienza in prima persona. invece c’è il superdonnismo a tutti i costi, un bisogno di dimostrare da subito che non si persono colpi. povera lo dico anch’io, ma forse ero così anch’io anni fa e poi sono cambiata. speriamo che cambi anche lei.

    • il post su cose da fare è la mia risposta all’iperefficentismo della gelmini o di chi per esse, o di me stessa quando corro troppo e corro per qualcosa che non è profondamente mio.
      quel volli, sempre volli, fortissimamente volli che ci riempie solo una zona buia nella vita.

      non è necessario che sia la maternità… basta una passione che taglia tutto i resto fuori, che diventa totale ed assoluta. una cosa così mi spaventa.
      e ritornando ai figli sento ogni gg che ciò che disponi si realizza diversamente, e ti relativizza. ma che bello però non aver la responsabiltà di farcela sempre ….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...