PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

Cyborg I: Quella voglia di uscire

8 commenti

G. guarda fuori dal vetro, gli ologrammi si susseguono.

G. ha imparato che allenarsi ogni giorno serve, serve per ricordarsi di respirare, per sentire l’ossigeno riattivare il cervello, per disseppellire sensazioni appiattite.

G. sa che la realtà, La Fuori, non e’ quella degli ologrammi.

Nei giorni di maggior chiarore gli ologrammi, oltre la trasparenza, svelano la terra vuota e grigia. La Fuori fa paura tutti, ma basta ignorarlo. Basta guardare i mondi possibili e le immagini fluttuanti che riempiono gli occhi. Basta non volere vedere.

Qualcuno sceglie le nanoslot innestate, la modifica del nervo ottico, così gli occhi non servono più e ci si fa guidare dai sistemi ottici collettivi. Non si deve nemmeno cercare di non vedere.

Le altre donne della palestra si allenano; sono dee, definite allo spasimo della loro bellezza. Curve perfette, pelle risintetizzata, occhi colorati di giada.

I difetti, sfuggiti alla programmazione DNA, vengono sempre ricorretti in via sintetica. Non si e’ mai brutte, ma dee splendenti.

G. si chiede sempre pro bono cui, si faccia tanto spreco di bellezza, La Fuori le ricorda sempre quanto tutto sia inutile.

Gli uomini, si, certo, ed anche la riproduzione sessuata, a volerla, si giovano del bello.

Lei non ricorre ai sottili trucchetti del fare e ricostruire se stessa, del farsi sempre più bella, liscia, setosa.

 

G. si sveglia il mattino dopo, niente palestra, oggi. Ma  … chirurgia

Oggi le manca solo l’innesto di neopolmoni e neocuore, finalmente sintetici.

Da domani potrà essere di nuovo se stessa e camminare La Fuori, con la media certezza che l’aria acida e corrosiva non le potra’ bruciare nulla: non l’esoscheletro, non gli organi di sintesi.

Si stiracchia.

Viva.

Finalmente.

Annunci

8 thoughts on “Cyborg I: Quella voglia di uscire

  1. provoca uno stato d’ansia…

  2. In effetti … Non e’ un racconto leggero…

  3. Per segnalazioni tecniche su “cybertecnologie” in uso oggi, si accettano volentieri link e info, correggerei volentieri imprecisioni…

  4. Non leggero, ma molto bello.

  5. @la profe.. Grazie! Mi sa che e’ anche un esercizio terapeutico, scriver storie anziché arrabbiarsi per le cose che accadono … Ciao !!! :)))

  6. bello bello, sinceramente a me da’ molta meno ansia dei fiorellini e campanelline 🙂

  7. Bello e forte come dev’essere qualcosa che deve colpire, complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...