PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

Emanuele … papà ed educatore … su cura e ralazione

3 commenti

Copio ed incollo -pari pari – le riflessioni di Emanuele, collega di studio, educatore, consulente pedagogico, bis-papà sul tema accudimento, cura, relazione.

Il perchè lo si capisce leggendo …

“Io non parlerei di relazione come contrapposizione all’accudimento o, comunque, come qualcosa d’altro, di diverso. Userei il termine comunicazione come manifestazione verbale della relazione e di accudimento come della sua manifestazione non verbale.

Credo anche che non sia tanto una questione di differenziare questi due aspetti nell’intento di definire una relazione genitore-figlio universalmente riconosciuta come “migliore” ma che, piuttosto, il problema sia chiedersi come questi due aspetti si intreccino nella costruzione di tale rapporto.

Una delle cose che mi incuriosisce, ad esempio, è l’ambivalenza di ruolo che queste due manifestazioni rivestono a seconda dell’età.

Mi spiego: quando il figlio è in fasce e l’accudimento rappresenta l’unico modo di relazione, la comunicazione viene vista come il miraggio capace di salvarci e farci sentire GENITORI e non operai specializzati nel cambio pannolini, nella somministrazione di pappe…
Quando i figli crescono?

La difficoltà dell’interazione spesso spinge al rimpianto verso quella fase della vita nella quale i nostri figli erano totalmente dipendenti da noi…

Ed ora ci manca!

Ci manca tutto: pannolini, pappe e notti insonni, per tornare a sentirici GENITORI utili e capaci e magari anche non contestabili…
Per questo credo che l’accento vada posto su come si attraversano questi aspetti della relazione, sulle fatiche che ci comportano e sulle capacità che sappiamo dimostrare.

Troppo facile disimpegnarsi rispetto alla fatica che si sta facendo nel presente dando valore solo a ciò che si farà in futuro (comunicare) o a ciò che si è fatto in passato (accudire).

Tutto ciò con la volontà di valorizzare la dimensione estremamente soggettiva della relazione genitoriale e del processo che porta alla sua costruzione e ne governa la gestione.

Ognuno vive meglio una modalità di relazione rispetto ad altre, in base ai suoi vissuti, al suo carattere ma entrambe (comunicazione e accudimento) sono due facce della stessa medaglia.

Sta noi decidere quale delle due facce mostrare o guardare di volta in volta..

L’importante è aver chiaro che esiste sempre anche l’altra faccia e che non si tratta di un’altra medaglia!”

Annunci

3 thoughts on “Emanuele … papà ed educatore … su cura e ralazione

  1. Intanto: Grazie Monica per la possibilità di condividere pensieri intorno ad un tema così delicato, in cui la voce di padre, consulente e educatore mi porta ad incontrare le altri voci per capire sempre di più. Capire la genitorialità e di conseguenza il mio modo di abitarla.
    Vista però la dimensione pubblica che hai dato ad un mio commento mi sembra giusto aggiungere altro. Condividere anche le domande che sono rimaste aperte sulla questione e i motivi che hanno portato a tali riflessioni.

    1- L’ambivalenza di ruolo di cui si parla e il conseguente disimpegnarsi dalla fatica che genera: è frutto di paura nell’affrontare la genitorialità o di incapacità a riconoscere e contenere l’importanza di questi due aspetti? In entrambi i casi credo sia un problema di “mancanza di maestri” ma cambiano le conseguenze..
    2- Confrontarsi, condividere la propria storia di madre/padre e lasciare che si intrecci e si contamini con quella di altri significa tematizzare la genitorialità per comprenderne la dimensione soggettiva (la propria nello specifico) oppure ricercare una perfezione verso cui tendere?
    La mia storia di padre per ora mi ha insegnato che le fatiche di accudire e/o comunicare mi permettono di imparare sempre qualcosa di nuovo nel tentativo di insegnare ai miei figli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...