PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

AUSMERZEN, Paolini, l’abisso, e ciò che resta – Terreno II

4 commenti

INTRO

Ieri sentivo una nuova accentazione di un termine abusatissimo “territorio”: rapporto con il territorio, il mio territorio, la politica deve ricominciare dal territorio.

Poi qualcuno ha detto magicamente qualcosa di nuovo :

“terreno” …. già la terra, l’humus, il luogo delle radici, del contatto con ciò che è fertile e ci fertilizza…

 

AUSMERZEN

Scalzare è un termine pertinente con il terreno.

L’handicap è il mio terreno da quasi trent’anni.

A 18 anni non sapevo proprio cosa farmene di me, così ho provato a lavorare nel luogo più vicino a casa e segnalato come, luogo / lavoro, importante da mio padre.

Un Istituto che ospitava 1000 disabili e 1000 operatori che ne avevano cura.

Un città, cintata e chiusa, nella piccola città dove vivevo.

A diciotto anni alle volte si è proprio piccoli.

Feci il corso di ASA, iniziai il tirocinio.

Delle prime cose che vidi riesco a raccontarle solo in prima persona, cioè de visu.. Mi par “roba” un pò difficile da narrare in un blog, e che merita molto corpo e molta parola, e guardarsi negli occhi per trasmettere quella difficoltà senza banalizzarla, senza frane trash, senza creare inutile pathos.

So che di quelle 7 tirocinanti entrate, il primo giorno, in un reparto di bambini, reggemmo in due.

Sei mesi dopo, al termine del primo contratto, lasciai la partita per tornare a studiare all’università.

Sono tornata a lavorare lì alla soglia dei 26 anni, appena un poco più adulta e più formata.

 

Ma oramai sono trent’anni, oramai ne ho 47 , che l’handicap è il mio terreno, nel mio “dna visrtuale”.

Non so perchè, non è un esercizio di bravura, o di pietà, o di lavoro. O nemmeno figlio della professionalità.

 

E’ un terreno dell’umano, in cui siamo uomini e donne, giovani e vecchi, corpi alla ricerca di parola o comunicazione, di espressione di sè. Mi appartiene sempre più, anno dopo anno, come donna, persona, madre, professionista.

Le sintonia con qualcosa che senti pertinente a te, cui appartieni, che ti appartiene, è sempre più facile.

 

 

Ieri sera dopo avere visto  Ausmerzen ovviamente mi sono sentita molto toccata.

Stavo li a guardare cosa succedeva in un terreno dove oggi mi muovo e che sento inevitabile, normale, quotidiano, non certo alieno o alienato. Ieri mtttina stavo facendo un laboratorio con persone disabili.

E allora io sono tra “i buoni” i sani, i salvi, “i giusti “?

Non necessariamente, perchè per me vedere quella dimensione dell’umano è oramai una prassi,

ma sempre accade che dove fai luce su una dimensione ne lasci in ombra un altra.

 

Questo mi ha lasciato, fra le altre cose, lo spettacolo di Paolini; cioè questa domanda:

quanti e quali altri sradicamenti non vedo io personalmente, e non vediamo collettivamente, quale callo stiamo coltivando per non sentire “se questo è un uomo”…

E son cazzi  (ecco un francesismo necessario)

Annunci

4 thoughts on “AUSMERZEN, Paolini, l’abisso, e ciò che resta – Terreno II

  1. Ho la fortuna di aver avuto un figlio disabile in un’epoca dove la coscienza delle persone veniva stimolata dal vento sessantottino,dare valore ad un figlio “cosi”non è sempre immediato,se fossi vissuta in quel tempo cosa sarebbe successo?

  2. é vero.
    siamo cresciute dalla parte luminosa della storia, almeno di questa storia. non so onestamente cosa avrei fatto come madre, come educatore. avrei creduto nella buona medicina, nella scienza, nel bisogno di una migliore qualità che proponevano?
    domande imbarazzantissime.
    avremmo cerduto nella cura.
    avremo finto di non vedere o non sapere cosa succedeva dietro i muri…
    non so. e riusciamo a voler vedere cosa succede agli zingari oggi e agli extracomunitari che arrivano sui barconi ..
    le risposte come saranno??

    :-(((

  3. Pingback: Tweets that mention AUSMERZEN, Paolini, l’abisso, e ciò che resta – Terreno II « -- Topsy.com

  4. sentendo paolini io banalmente pensavo ai modelli di uomo, di donna, di bambino che si tenta (e spesso si riesce) di passare come imprescindibili, pensavo banalmente alla chirurgia plastica, agli psicofarmaci dati ai bambini per la cosiddetta iperattività, e anche, alla translucenza nucale. pensavo a tutte le volte che ci viene richiesto di rientrare in certi parametri, basati su che? sulla statistica? e ci viene imposto un peso da portare magari per anni della nostra vita, perchè, in fondo, è colpa nostra se non siamo aderenti al modello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...