PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

L’eredità di zia Pina

Lascia un commento

Tutti dovremmo avere una zia Pina. Una lontana parente, magari nemmeno mai conosciuta, in tal modo che alla sua dipartita non se ne abbia a soffrire. Vecchia zitella, acida e ricchissima, che avendo vissuto una vita in micragnaggine totale, ci lasci eredi di una immensa fortuna.

Così che espletate le esequie, esvolte le incombenze ereditarie da noiosi e annoiati notai  … si passi rapidamente alla consumazione veloce del patrimonio.

Perchè così deve essere. Come direbbe mia figlia, si va allo sciallo totale. Si va a fare shopping e si sistema un pò la casa. Tanto non sono soldi guadagnati, ma ereditati. Frutto di una fatica altrui.

Ecco la listina della spesa …

  • un ascensore ultratecnologico che viaggia alla velocità di sette metri al secondo
  • tre pouff con struttura portante in acciaio cromato lucido, i due divani con rivestimento sfoderabile in ecopelle (12mila euro)
  • comodino del letto, con struttura in legno massello di rovere e le nove sedie per la sala da pranzo (seimila euro)
  • quattro poltrone con fodera in vellutino accoppiato con resinato, il letto matrimoniale con testata in multistrato e rete ortopedica a doghe di faggio curvato a vapore
  • librerie,  tavolo da pranzo, tavolo “direzionale” del presidente (11.200 euro)
  • tappeti «fabbricati a mano con pelo corto e fitto in lino/lana», 20mila euro.
  • pedana della sala conferenze, costo 126.388 euro, è rivestita con pannelli lignei in pavimento vinilico Tatami ed ha parapetti in acciaio
  • 270mila euro sono andati alle tende
  • 27 divani con “bracciolo a sbalzo” per gli uffici degli assessori e dei sottosegretari (58mila euro)
  • 174mila euro per altri “accessori interni”

| Fonte | Repubblica 

Il fatto è che la zia Pina, in oggetto è ancora viva e vegeta, e sputa sangue per mettere insieme pranzo e cena e tasse. E il nipotastro spendaccione è lui:

Il fatto è che la crisi imporrebbe un basso profilo, e una migliore gestione del “bene comune”, anche a rischio della perdita di un pò di sfarzo, insomma l’understatement sarebbe utile, etico, ecologico, economico e auspicabile. Usare i soldi altrui prevederebbe una maggiore capacità di oculatezza. Tanto più che (qualcuno se ne sarà pure accorto) di soldi non ce sono, punto. Lo sanno anche alcuni politici ….

” Il terzo esempio è dato dai 15 milioni di euro che la Regione ha trovato per l’appalto della bretella di collegamento piemontese all’autostrada Broni-Mortara che testardamente si vuole costruire. Che anzi, come ha detto l’assessore regionale leghista Belotti, “non si può fermare”. Perché? In compenso la Regione Lombardia non ha trovato i fondi per la bonifica dall’amianto sull’area industriale Fibronit, causa di decine e decine di morti provocati dal mesotelioma pleurico e dalle fibre che dall’ex-cementificio si diffondono nell’ambiente. L’essere sordi alle voci di un territorio è sempre segno di lontananza. La Regione non è mai parsa così distante dalle esigenze dei cittadini di …”

(scegliete voi a caso un paese o provincia lombarda a vostro piacimento – inciso mio)

|Fonte | la Provincia Pavese 5/2/2012

Ovviamente a fare la parte del cattivo nipote della zia Pina non c’è solo il nostro eroe, sono tanti gli amministratori locali, in buona o cattiva fede, che percepiscono il lascito un dono gratuito con cui “sciallare”. A prescindere dalle necessità reali del luogo che governano, dei bisogni dei concittadini, e del territorio che sono chiamati ad amministrare. Spesso agiscono con una ottica minuscola e miope, che non vede al di là dell’annualità dei bilanci, che spende senza progettare risparmi, e investimenti, e diversi modi di consumare, o alternative positive per avere un bilancio sano (e con fatica e inventiva qualche amministratore riesce a farlo)…

Mah.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...