PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome


Lascia un commento

Doti Muliebri 2

Ha pure ragione quel procuratore di bergamo, che lo donne … per non farsi stuprare,

… insomma che le donne escano in compagnia,

ancor meglio come diceva la signora dal dottore, che stiano in casa.

Resident-evil-afterlife-original

Eh! Gia’ e poi chi pulisce il mondo da tutti questi zombie?

(la tipologia di zombie che hanno da esser sgomberati sceglietelo voi)

Annunci


1 Commento

Doti muliebri

Raccolta dal dottore: dice la signora alla vicina di sedia, anche in attesa del suo turno, parlando della ragazza XXXX
Pulita.
Ordinata.
Tanto “de casa”.

20130116-112958.jpg


Lascia un commento

Gotico ritorno alla natura

Ed ecco trovata la pergola di uva americana che sta, oramai dimenticata, lungo l’argine, tra baracche in disuso.

Si cercano grappoli, maturi e dolci, destinati alla marmellata.

La mattina e’ tarda, un’aria sottile fa stormire le foglie.

Un suono strano e irregolare, quasi alieno. Come se gli alberi parlassero con  voce stonata.

Son le foglie, oramai inscheletrite dal passaggio della processionaria, si esprimono in modo estraneo.

Tutto il pioppeto attorno e’ ridotto a una lunga serie di involucri svuotati e ingrigiti, e la lunga estate rovente ha reso tutto polveroso.

Solo il bambu’ sopravvive alle insidie dei bruchi.

Una piccola biscia sta ingoiando una piccola lucertola, che ancora scuote la coda, ma è subito chiaro che è improbabile salvare la poveretta.
Si deve distogliere lo sguardo, tra ribrezzo e dispiacere.

La pergola offre ancora una ricca ombra, riparo e ristoro, ma le processionarie, cadono al suolo, ogni volta che si scuote, seppure lievemente una fronda o un grappolo.

Anche le cimici, insetti notoriamente altrettanto improbabili e instabili, cadono a terra ad ogni sfiorar di grappolo.

Una sorta di pioggia ronzante, fatta di insetti,  cade a terra e trasforma il suolo, in un tappeto vibrante

I segni del passaggio umano cominciano a sfumarsi, mentre le piante rioccupano la loro terra.

Un suono persistente e costante, oltrepassa il ronzio di api e vespe ubriacate e attratte dalla dolcezza dell’uva. Sono le mandibole delle processionarie che triturano le foglie.

Ammettiamo la natura non è poi così new age, talvolta diventa inquietante, perfino un pò gotica.


2 commenti

Cibo per animali … c’è del marcio in danimarca?

Si parte con quelle faccende di una delle tre gatte, con cui condividiamo la casa, che è intollerante ad una serie di cose, e tende a non gradire l’abituale cibo per gatti.

Così si vanno ad esplorare le potenzialità offerte dal marcato alimentare felino. Continua a leggere


Lascia un commento

cat-landia

jack

la quotidianità, quaggiù in terra di lumache e rase, è costellata di gatti.
tre gatte ufficiali.
tre randagi ormai stabilmente adottati.
e qualche outsider che transita velocemente.
a casa, siamo stabilmente determinati da miciarella, muffa e obi, che da tempo immemorabile hanno perso i loro nomi ufficiali.

miciarella, l’ultima arrivata continua, da adulta, a pensarsi come gatta piccola.
pertanto s’attacca ad ogni maglione in vista per ciucciarlo ad libitum.
tenta di applicare la stessa strategia alla mini, fingendosene la madre e tentando di leccarle la faccia.
credo pensi che io sia una pessima madre: ” .. cavolo … quella non lecca mai il suo cucciolo!”
inoltre pesta regolarmente la gatte grandi, che pazientemente sperano che cresca, mettendo un pò di raziocinio felino.
non so, io se fossi gatta, una bella raddrizzatina, gliela darei pure!!

obi, l’anno scorso aveva un nome diverso ma la propensione ad ingrassare come una balena aveva scatenato una ridda di nuovi nomi.          obi era la gatta obesa.
quest’anno, avendo capito che non la faremo mai morir di fame, indossa 10 taglie feline in meno.

in compenso sua sorella muffa (gatta ca-muffa, abilissima a fare le cose da furba facendosi sempre beccare sul fatto!!) quest’anno che ancora freddo non fa, meriterebbe già il titolo incontrastato di obi, tanto è esplosa. mangia come un leone e si avvicina con aria freddolosa alla stufa, come se ci fossero già -3°.


tre sono i randagi di casa: bello, gatta-la-gatta, e jack

bello, lo dice il nome, è il gatto figo: d’estate veleggia tutto sdrucito da una vita sessuale intensa e probabilmente appagante. ma di inverno, è grassoccio, muscoloso e immancabilmente bello!
gatta-la-gatta. a me è un pò antipatica, per quella tendenza a sentirsi la padrona del nostro giardino e quindi in diritto di menare mena le gatte di casa. in fondo ciò che mi irrita davvero è che mi tolga l’esclusiva di infuriarmi con loro quando immancabilmente usano il bucato pulito come letto!
infine c’è jack (lo sfegiato) – vedi foto – è in assoluto il mio preferito, sia per il look total white, sia perchè un pò sfigato.
e poi mi piacciono i gatti mono cromatici, il mio primo felino sembrava un panterino in miniatura.
vive praticamente con noi dal primo giorno di questa casa.
è sempre un pò malaticcio.
ma ci ama alla follia ….. nonostante che noi lo si sia:
a. catturato
b. portato dal veterinario che lo ha operato per un tumore alle orecchie, asportandogliele entrambe (dalla foto lo si vede ma è fighissimo ugualmente!!)
c. sterilizzato
d. tenuto con collare vittoriano 15 gg in un rustico
e. impasticcato di antibiotico
f. riportato dal veterinario per i controlli.

è un tipo discreto e  riservato, timido ed elegante, poco lagnoso –  al contrario di bello!
e ci ama.
e io ricambio il suo amore, preferendolo agli altri e offrendogli di sgamo, il cibo, quando gli altri non vedono!!

infine ci sarebbe ancora mucco, il cui pelo è caratterizzato da macchie nere e bianche che ricordano tanto una mucca.
anche lui preso e sterilizzato, in virtù della sua abitudine ad abusare sessualmente delle nostre gatte, quando erano ancora giovanissime e non andavano in calore.
pare non abbia apprezzato.
per un pò ha tentato di entrare di notte in casa, dalla gattarola e spazzolare indisturbato la cena delle gatte.
metodi di distrazione (distrazione non distruzione) di massa lo hanno dissuaso.
per ora.
ci sono altri sporadici randagi.
ma insomma il nucleo forte sono i primi sei.


info tecnica:
i gatti bianchi o il cui pelo è a dominante bianca soffrono facilmente, ce lo ha spiegato la veterinaria,  di tumori alla pelle (legati al sole).
il pelo chiaro indica una “carnagione” più delicata e reattiva ai raggi solari che genera forme tumorali.

monica


4 commenti

cimici


visto il successo delle lumache … proverò anche con le domande inquietanti sulla vita delle cimici.







uno.
puzzano.

due.
sono belle (!?) solo d’estate. di un bel verde squillante, dico. poi diventano marron-grigette.

tre.
entrano in casa di sgamo e poi infastidiscono per qualche giorno e poi si fermano, definitivamente, su una tenda.

quattro.
ronzano in giro, sono rumorose e suicide (basta avere una lampada alogena potente per vederle arrostire)

cinque.
non so cosa mangiano ma di sicuro non le crocchette per gatti. forse niente e perciò vengono a morire in casa, di fame. o sull’alogena.

sei.
sono freddolose. e anche se potrei immedesimarmi, non lo faccio e mi stanno antipatiche!

non si fanno coinvolgere dalle solite cose:

oggi ero a milano.
c’erano due ragazzi giovani, luminosi, allegri.

bello come lo sono i giovani quando stanno bene nella loro pelle.
(nera … nella fattispecie).
mi son chiesta se li ci fosse il nuovo obama italiano ……..
naaaaaaaa siamo in italia!

monica