PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome


Lascia un commento

Migrazioni digitali: appunti

Tra le varie definizioni di persona che “sta” in rete, troverete gli ibridi digitali e gli indigeni digitali, e poi nativi digitali (che nei primi due casi corrispondono a precisi progetti e pensieri) e forse cercando, si trova anche qualcos’altro.
Ma non ho ancora trovato una definizione che mi calzi a pennello.

Forse la definizione che sentirei più congruente sarebbe quella di migrante digitale.

foto
Riconosco, nell’esperienza in rete, tutta una parte di “lavoro”  sicuramente finalizzata alla condivisione di contenuti; ma anche alla costruzione di reti, definita da una continua migrazione tra alcuni luoghi di partenza, verso nuovi luoghi da scoprire, esplorare e ricollegare alla “casa madre”.

Sono partita come blogger con Blogspot cui è seguito WordPress che è diventata “casa madre” con una serie di blog tematici, passando per le piattaforme che costruiscono siti on-line jimdo e wix in particolare, per arrivare ad esplorare e aggiungere Twitter, Facebook, Instagram, Google+ LinkedIn, YouTube e Pinterest.

Ogni migrazione è un viaggio, una migrazione che permette di imparare qualcosa di nuovo sul social che si sta utilizzando, sui suoi frequentatori e contenuti che è possibile produrre o condividere.

È un continuo migrare ed integrare, alla scoperta di luoghi, pensieri e persone.

Ogni volta.
Ogni volta (va) sperimentata a sufficienza la nuova terra, ritessendo c qualche contatto con altri migranti 2.0, si va ancora alla ricerca di un nuovo viaggio e un nuovo Social.
Migrare, e se questo invece facesse parte dell’atto naturale connesso alla rete.Dove il movimento sembra essere naturale.

Un movimento di migrazione esplorativa, conoscitiva, e sempre sociale, e (spesso, sempre?) mirato anche alla ricerca dei membri della propria tribù allargata, da ritrovare.

e un movimento volto a ricercare, tanto la relazione quando una conoscenza raffinata degli altri, e attraverso la loro narrazione sociale (social).
Mi fa venire in mente un film, visto di recente, (per lavoro) Disconnect, in cui una delle sottotracce mostra come la rete tanto mistifica e permette l’inganno, apre le strade al disagio, ma al tempo stesso svela  … obbligando l’autenticità ad emergere.

E allora migrare è svelare le proprie tracce, le tracce che inevitabilmente sii mostrano celandole, non dicendo di me, svelo le parti che tengo nascoste.

Quanto maggiormente la rete (ci) permette di nascondere, altrettanto svela potentemente.

Migrare è costruire legami che mi tengono insieme (ad altri) nella distanza, costruire significati e produrre contenuti che condivido e aumentano la mia vicinanza agli altri.

E’ tracciare una traiettoria in uno spazio di viaggio, dove raccolgo e offro qualcosa di me e della mia storia. E ciò che lascio non è mai perso.


Lascia un commento

“Ai miei tempi” e il tempo nel web

Fortunatamente non sono ancora giunta all’età in cui senta opportuno rammaricarmi del fatto che il tempo della mia gioventù fosse insindacabilmente migliore di questo mio tempo.

Non che non veda i segni della crisi del tempo, ma so che a 16, 24, 32 anni ero troppo ora giovane, ora troppo affaccendata in altre cose della vita per chiedermi se ci fosse un tempo migliore.

Eppure adulti, come me, già segnalano come questo sia un tempo peggiore; hanno in parte ragione, son tempi strani, per quanto sembra che ne abbiano maggior ragione o diritto gli anziani, come lo faceva una battagliera signora ottantenne, incontrata ieri.

“Una volta c’era meno cattiveria, e la gente si aiutava” diceva, dimenticando che l’età dell’oro, bella nei ricordi, era anche quella della barbarie nazifascista.
Insomma l’età imbellisce qualche ricordo e modifica la narrazione.

L’età giovane, quella in cui si vive giovani o da giovani, non ha ancora misure di paragone o giudizio, in cui non servono i bilanci.
Ecco … Il web mi sembra di quella età senza giudizio storico e definitivo, della sperimentazione e di qualche esperienza sedimentata, ma per la quale occorre fare e imparare, imparare a vedere e poi dire “era meglio/peggio ai miei tempi”.

O forse sarà che sento ancora e profondamente mio questo tempo, web annesso e “connesso”.


Lascia un commento

Mini selfie

Il mio ipad è completamente invaso dalle foto della minima, che oltre a giocare con le varie app scaricate, si diletta a fotografate cane gatti, divano, tv, muri .. insomma sperimenta i piaceri della fotografia a ripetizione.

Poi fotografa se stessa. Facce buffissime e serissime, stranissime ( soprattutto tenerissime agli occhi di sua madre).

Ma il selfie … orrore! Esperti, espertoni, opininisti, fancazzisti web dicono che è il male, la patologia del nostro tempo, l’incertezza dell’immagine di se, il narciso fragile che si dichiara al mondo.

La minina non pubblica le sue immagini, ma le fa.

Forse è meno grave?

Gli smartphone con doppia ottica facilitano l’incontro con l’immagine di se. Una immagine statica e non dinamica, come è quella nel riflesso di uno specchio.

Non so quale sia la risposta sociopsicopoliticoantropologica giusta al selfie, e se dobbiamo interpretarli come segnali effettivamente gravi.

La grande si è fatta un paio di foto molto belle, e la piccola ci gioca. Dramma educativo, o no?

Eppure il genere non è nuovo. Anzi gli artisti lo hanno sempre praticato, cercando se stessi, o di comprendere la propria forma dinamica e statica. A questo punto trovo legittimo sospendere il  giudizio e aspettare letture e altre possibili interpretazioni del fenomeno.

ImmagineSchermata 2014-03-15 alle 07.23.18

Schermata 2014-03-15 alle 07.23.06


Lascia un commento

Scarti, rifiuti, astio e web

Anche se non se può fare una generalizzazione, o almeno a me mancano i dato statistici, per confermare o meno questa sensazione/osservazione/considerazione, sembra che alcuni spazi web siano considerati alla stregua di alcuni luoghi pubblici, (es. bagni), luoghi destinati a raccogliere le proprie deiezioni, e … incurie (ossia come si lascia quel luogo dopo esserci passati e avere depositato i propri scarti).

Anche i luoghi web (persino i più impensabili) subiscono sorti simili:
I commenti agli articoli di giornale, o ai post sui blog delle testate giornalistiche, alcuni post su facebook, o un veloce commento su twitter, raccontano spesso di una acredine, astio e rancore verso alcuni contenuti, nemmeno troppo “sensibili”  …che so una pala eolica che potrebbe venire installata in giardino.
Utenti che commentano cinicamente e rabbiosamente, quasi urlando rabbia e frustrazione, verso oggetti o pensieri altrui, come se fossero la genesi di chissà quale piaga dell’umanita’.
Una pala eolica?
Una pala eolica merita litri e litri di astio!??

Un astio firmato, se i contenuti sono su facebook, astio anonimo se ci troviamo in una pagina web, di un giornale on line!
Sembra non interessare a nessuno di essere tracciati nella propria acrimonia, ed e’ come se si firmasse, e si torniamo alla “simpatica” metafora del bagno pubblico, dopo aver fatto pipì per terra o aver lordato il wc, “sono stat* io!! E mi chiamo Rossi Mari*”.
Insomma l’esser pubblici, ma su web, non genera il pensiero di essere davvero pubblici, non fa venire il dubbio che si e’ tracciabili, e che “scripta manent”, nemmeno la cultura e l’eta’ adulta permette di cogliere questa evidenza fenomenologia del web, da un lato. E nemmeno mette in discussione il fatto che in pubblico si evitano di esplicitare i propri pensieri neri o peggiori istinti, o la rabbia sconfinata, che nelle nostre giornate invece sappiamo benissimo confinare.
Sappiamo per educazione e maturazione, che la parte selvaggia di noi, va giocata nei canali evoluti/evolutivi e non vomitata addosso all’umanità altrui, giusto per evitare di chiarire le dispute con la clava.
Il fraintendimento sembra essere basato su un erroneo convincimento di avere un anonimato sostanziale possibile nel web, di esistere una virtualità che non ha forma, corpo, confini, logiche, etiche, responsabilità.

Vi sono poi contesti, piùristretti, (penso ad alcuni gruppi Facebook che frequento – anche come amministratrice – o blog che seguo) dove la presenza di un filtro selettivo, tematico, la gestione degli amministratori che riportano le discussioni nel proprio alveo, la protezione creata per evitare la presenza di troll o fake, permette alle persone di controbattersi, avere idee diverse ma senza finire per prodursi in esternazioni astiose e di fondo violente. Insomma strutture che hanno una forma, una etica, una responsabilità, una “consistenza” diversa ….  


1 Commento

Yoga time

Dopo ben 17 anni … è tornata l’ora dello yoga.

La leggenda vuole che allora lo yoga fosse decisamente intenso e faticoso …

2 ore di lavoro senza quisquilie e pinzillacchere. Hatha yoga duro e puro. No incensi, no chicchere, non spiegazioni. Provi, ci riprovi e ancora ci ritenti e magari impari.

Sarà l’età, sarà la forma fisica di una polpetta, la fatica pare triplicata e poi moltiplicata per quattro. Perché alla mia età ovviamente ci si va ad infilare nello yoga dinamico.

Brava.

C’è una unica e buona notizia, il corpo ha una saggezza niente male e si ricorda, si ritrova nella pratica.

Chiudo con un salto mortale triplo e carpiato e salcosa … Il blog è nato in una fase della mia vita  in cui il corpo stava cambiando (nascita figlia due detta minina), e ieri sera mentre sudavo respirando, e respiravo sudando ho avuto una illuminazione, la scrittura come estensione della corporeità e dell’esperienza. Ci devo studiare, mi sa. O meglio in altri luoghi e per lavoro ci stiamo già studiando. Suggerimenti e idee????

Il web come espressione della corporeità: si ? no? come? perché? quando??


5 commenti

Ma come ti mostri? (Nudità mediatiche)

Pensierino del mattino. Lavare i pavimenti è evidentemente una pratica zen, se ti apre la mente a pensieri nuovi, o rinnova pensieri impolverati.

Mentre in tv passa la pubblicità di una altro (un altro????) programma di mamme sulle mamme, con le mamme, per le mamme, nelle mamme, attorno e sotto le mamme.

Gasp! Un altro???

E già! Ma non è la stessa cosa che mi hanno detto le (ex) colleghe storiche, quelle che mi sono rimaste nel cuore, e con cui abbiamo fatto cose, per me, grandiose nell’inventare innovare il nostro lavoro, quando le ho invitate alla nostra serata da consulenti pedagogiche sulla maternità? Continua a leggere