PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome


Lascia un commento

Gotico ritorno alla natura

Ed ecco trovata la pergola di uva americana che sta, oramai dimenticata, lungo l’argine, tra baracche in disuso.

Si cercano grappoli, maturi e dolci, destinati alla marmellata.

La mattina e’ tarda, un’aria sottile fa stormire le foglie.

Un suono strano e irregolare, quasi alieno. Come se gli alberi parlassero con  voce stonata.

Son le foglie, oramai inscheletrite dal passaggio della processionaria, si esprimono in modo estraneo.

Tutto il pioppeto attorno e’ ridotto a una lunga serie di involucri svuotati e ingrigiti, e la lunga estate rovente ha reso tutto polveroso.

Solo il bambu’ sopravvive alle insidie dei bruchi.

Una piccola biscia sta ingoiando una piccola lucertola, che ancora scuote la coda, ma è subito chiaro che è improbabile salvare la poveretta.
Si deve distogliere lo sguardo, tra ribrezzo e dispiacere.

La pergola offre ancora una ricca ombra, riparo e ristoro, ma le processionarie, cadono al suolo, ogni volta che si scuote, seppure lievemente una fronda o un grappolo.

Anche le cimici, insetti notoriamente altrettanto improbabili e instabili, cadono a terra ad ogni sfiorar di grappolo.

Una sorta di pioggia ronzante, fatta di insetti,  cade a terra e trasforma il suolo, in un tappeto vibrante

I segni del passaggio umano cominciano a sfumarsi, mentre le piante rioccupano la loro terra.

Un suono persistente e costante, oltrepassa il ronzio di api e vespe ubriacate e attratte dalla dolcezza dell’uva. Sono le mandibole delle processionarie che triturano le foglie.

Ammettiamo la natura non è poi così new age, talvolta diventa inquietante, perfino un pò gotica.


1 Commento

La terra e il predatore, violenza tra maschili e femminili (leghismi)

Metafore

La Lega sembra voler rappresentare il maschio (e non gli uomini, o gli uomini e le donne) per sua scelta dichiarata, e il valore principale del maschio-padano è celodurismo; che viene erto a difesa della propria donna/terra contro un ipotetico maschio minaccioso. Un altro maschio: una identità aliena, ora definita da alcune parole svuotate di senso migranti, extra comunitari, meridionali, stranieri, e riempite da una forma, quella esterna/estetica, l’altro divnta, perciò,  tutto ciò che è riconoscibile nella sua alienità banalizzata e superficiale, cioè il colore dei capelli, della pelle, l’alimentazione, l’abbigliamento, la provenienza geografica. Senza aver mai alcuna capacità o velleità di analizzare altre caratteristiche, diverse da queste, quali la cultura, la socialità, l’etica, la moralità. L’altro è diverso perché appare un pò diverso.

Oil from Chewron Spill

Continua a leggere