PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome


3 commenti

Ballarò, la paura, la politica e del dia-logos – in breve

Laddove le varie cose non si conciliano proprio.

Cota: la paura. Ho visto la paura, quella che non riuscivo a capire, verso l’altro. Si capiva che non era vezzo politico o da arruffapopoli. L’uomo mostrava una paura, che per me resta inesplicabile verso l’alterità araba. Così eletta ad insieme indifferenziato. D’altronde la paura non differenza. Paura così forte da non vedere nemmeno più gli uomini e le donne, che Franceschini evocava nella loro tragedia umana, di migranti, di gente persa in mare, ad un passo dalla speranza o dalla morte.

La politica: è brutta e triste, soprattutto in-intelligente, soprattutto verso noi ascoltatori ed elettori, sempre due passi indietro alla nostra intelligenza. Allorquando manca la capacità di capire le domande e non si vuole rispondere in modo consono alla domanda, come se nella nostra quotidianità chiedendo ad un amico “come stai?” quello ci rispondesse che “15 anni lui fa stava bene” e non capisce come mai allora non glielo si fosse chiesto… (!!)

Così non si capisce perchè non si possa comprendere le complessità: e mi spiego se è vero che è migliorata la capacità (grazie ad una politica accorta in tal senso) di recuperare l’evasione fiscale può al contempo essere anche vero che è aumentata l’evasione da altra parte, in virtù di una crisi economica preoccupante.

L’una questione non esclude (può non escludere) l’altra.

Noi riusciamo a capire la questione.

Un politico no. Pare.

Infine resta il dia-logo impossibile, (francamente fate una gran brutta parte a vedervi, quando vi credete soddisfatti di avere avuto la battuta più pronta) si parla di scarpe e si risponde parlando di asparagi e sapone da bucato …

Nella vita normale se in famiglia ci si parlasse così qualcuno comincerebbe a prenotare un a bella vistita psichiatrica.

Abbiate pazienza signori politici, non siamo così cretini, e sappiamo apprezzare – con il voto – una buona politica capace di governare, di spiegare programmi ed idee ma anche di cogliere le proprie insufficienze, che meriteranno correttivi.

Pazientate non vi vogliamo perfetti … ma capaci di rispondere alla complessità, che noi già nel nostro piccolo conosciamo, non è facile ma possibile …

E replico, fosse mai che la cosa divenga più chiara, non siamo stupidi come ci immaginate.


8 commenti

Ma chi cavolo sono questi uomini?

Stamane davanti allo specchio guardavo la mia faccia, conosciuta e rassicurante.

E pensavo.

E mi chiedevo chi siano i berlusconi, quelli piccoli piccoli, che alla mattina e davanti al loro specchio, si guardano la loro faccia, conosciuta e rassicurante … e assicurano al berlusconi major fiducia e sostegno.
Uomini di mezza eta’, come me, in fondo.

Ma dove hanno imparato che il modello berlusconi e’ quello in cui possono riconoscersi??

Da cinema e tv? Da padri e fratelli? Dal modello trucido e truzzo di un latin lover non ancora andato in soffitta? Da un 68 non capito allora e non metabolizzato oggi? Ma chi cavolo sono? Cosa pensano?
A quale parte irrisolta di se danno il consenso?

Mi vengono agli occhi le immagini dei film degli anni 60, laddove il modello culturale USA (mi) sembrava più ricco di tematiche, la frontiera, il lavoro, l’etica (lasciamo perdere i nativi americani riabilitati solo anni dopo), l’amore pudico e puritano ….Film che abbiamo visto alla televisione, mentre il cinema italiano di massa ci proponeva ben altro.

I piccoli berluscones a cosa son cresciuti? A pane e Alvaro Vitali, alla dottoressa del distretto militare, alle bonazze con la 4 di reggiseno, precursori dell’italiota classico espresso a natale, nei cinepanettoni.

Eccoli,  i piccoli ometti che apprezzano il berluscone major.

Evidentemente la “frontiera” non gli è rimasta dentro.


7 commenti

finalmente anche io faccio parte di una elite (di merda)

images-93
Ma a tal proposito ne scrive ben più egregiamente michele serra. ma aggiungo anche ciò che arriva dal il sole 24 ore (mica il manifesto)

In più d’uno si chiedono se non sia il caso che anche il ministro Brunetta, come il suo capo, affronti un lungo percorso di psicoanalisi. Non saprei dire.

Nel dubbio però ora mi posso beare del mio elitarismo. Certo è ben strano che la politica di oggi spesso sia diventata luogo di cura (??) in cui stanno radunate una accozzaglia di personalità sofferenti.

images-94

Sbaglierò, magari anche io, ma è difficile vedere  in certi isterismi, istrionismi, in certi ululati alla luna … il segno di persone che pensano prima di agire; visto che a loro sono affidate le sorti del paese, le leggi e alcune decisioni importanti per la nostra vita. Se a Brunetta non piace la sinistra, è legittimato a parlarne; ma lo si vorrebbe vederlo fare in modo critico e approfondito, lucido, anche corrosivo, anche potente, sarebbe persino una sferzata di energia; ma il berciare è da bar, durante la partita a scopa o dopo un congruo numero di bianchini.

Altrimenti uno non sembra più un politico ma uno … un pò fuori di testa.

La confutazione è una bella arte, delle quale bisogna – però – essere esperti, o almeno capaci; ultimamente un mio formatore spiegava che la critica per essere importante, va fatta alla parte intelligente del discorso dell’altro, non agli scarti del pensiero, alle parti ovviamente più deteriori.

Magari Brunetta fa bene a segnalare alla sinistra che la sua funzione di opposizione serve anche al governo per poter contare su una contrapposizione, che inevitabilmente finisce per mostrare tutte le criticità e per legiferare meglio.

(Certo faccio fatica ad immaginarlo possibile oggi con questo governo, fragile, ossessionato, isterico e berciante).

Dire “merda” “andate a morire ammazzati” e via dicendo non corriposnde proprio ad un esercizio di pensiero, non dico di intelligenza, dico proprio e solo pensiero: attivazione neuronale minima….

Per la prossima esternazione, sennò, ci toccherà ascoltare un infantile “non mi hai fatto niente faccia di serpente, non mi hai fatto male faccia di maiale” ma anche “cacca, puzzi, scemo, culo, cicca cicca, faccia di palta” e via a seguire


2 commenti

minus habens

in attesa di decidere se le graziose 30, ragazze 30 posson bastare …
e di capire se io debba o voglia considerarle minus incapaci di valutare e quindi vittime di abuso psicomediatico, 
se poi alla fine decida di  comprendere se siano dotate della capacità di intendere e volere e allora si collochino nel settore persone stronze …

insomma in questo vacuum mi trovo a leggere sul blog di gilioli che l’utilizzatore finale un giorno, datosi per malato, bigiò il lavoro, per star al calduccio di casa con alcune delle 30 ragazze, trenta!!

il pensiero successivo va al povero ministro brunetta che tanto si impegna per fare funzionare il bel paese e nel mandar a andare a lavorare gli italici fannulloni.
forse d’ora in poi pure avendo la febbre a 40° sarà meglio accampar la scusa che si deve stare a letto a fornicare selvaggiamente ….
brunetta perdonerà di sicuro … no?


4 commenti

meglio passare sopra un milione di prostitute, lodi, processi sfuggiti per miracolo, scandali e assopimenti mediatici piuttosto che su una pillola: RU

 


uno spera che cotanto e recitato rigore ecclesiastico alla fine prevalga ….