PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome


Lascia un commento

Materiali da OST _SNOQ firenze “sei soddisfatta dell’italia”

Un buon punto di partenza e di pensiero/progettazione, seguite il link SNOQ firenze

 

Annunci


2 commenti

Se non le donne…

Vecchie storie. Storie da donne. …. Che se nessuno lo fa  …lo faremo noi. Ma con una serie di impliciti: siamo noi alla fine sempre quelle che si sacrificano, che sanno davvero fare funzionare le cose, che arrivano nell’emergenza. Che anche qui ce ne sarebbe da scrivere, delle derive del potere attivo o passivo, di maternità, femminilità, e passività, di comodità e non assunzioni di responsabilità. Reciproche, di donne e di uomini.

Ma se arrivassimo prima e insieme, se la parità smettessimo di leggerla sulle riviste per donne, o la rivendicassimo e basta con una serie di “mi piace” e  …..cominciassimo a coglierla, laddove essa c’è? Non solo. Se ci diciamo che la prassi, e’ ciò che è, e’ ciò che accade, ciò che è innovativo, diverso, emergente. Certo una cosa così semplice non ci renderà le eroine che salvano il mondo, saremo “solo” la massa critica che innesca il cambiamento.

Perciò si scava, in ciò che c’è, si sa e si conosce,e che spesso non si riconosce come qualità, se è banale non è qualità. Perciò oggi: nessun onore, nessun palco, nessuna home page, ma si va spulciare nel banale, ‘che alle volte il banale dice molto di più della home page di un giornale on line. Alle volte il banale cela in ciò che già facciamo e che non vediamo.

Continua a leggere


2 commenti

Tra SNOQ e #donnexdonne

A Siena c’erano twittamiche vecchie e nuove conoscenze. L’evento l’ho seguito così, ritwittando come potevo, tra le incombenze del week end, tra una occhiata saltuaria alla Timeline e  le faccende della mia allegra famigliola in giardino.

Poi ieri in rete ho trovato qualche retropensiero interessante che provo, in breve ad intrecciare qui, con le mie sensazioni.

E link quindi :

Giovanna Cosenza

Francesca Sanzo

Ipazia(è)vviva

Voci diverse, è indubbio. Inoltre aspetto altre riflessioni che arriveranno da altre amiche, che troverete già forse oggi o nei prossimi giorni (gruppo facebook #donnexdonne) …

La mia sensazione, che corrisponde anche ad una restituzione che spesso mi arriva dalla compagine maschile persone stimate per intelligenza e capacità di analisi critica, è quella che spesso vede le donne a raccontarsi della rete che stanno facendo, ma non riuscire a delineare le prassi che emergono nel costruire rete. E invece è proprio questo lo snodo, raccontare come si progetta, cosa si progetta, quando lo si agisce, lo si verifica .. rende questo modo di fare le cose la possibilità di mostrarla, di proporla, e implementarla anche in altre realtà. Se è vero, e non ho dubbio, che le donne fanno (e non solo sanno fare) è ora che si cimentino anche nel mostrare e insegnare come si fa.

Per questo la rete è sostanziale, tanto per il potenziale di diffusione che rappresenta, quanto per essere un luogo di possibile co-progettazione, di condivisione di informazioni/saperi/progetti.

Ho saputo, via twitter, da due amici: “una direttrice di banca che ha raccontato che le agenzie dirette da donne siano statisticamente più attive/ricche”, e non appena riesco cerco di pubblicare i dati (che uno dei due forse riuscirà a estrapolare e fornire); questo è un modi di capire qual’è lo stile femminile che determina alcuni modi diversi di agire, e diversi esiti. Quali culture soggiaciono, nei luoghi, in cui le donne riescono a portare un diverso contributo al lavoro, alle politiche, alla cultura, agli stili familiari.

Mi sento di condividere una riflessione con Giovanna Cosenza, come nel post citato, “Che molti discorsi – troppi, per i miei gusti – contenessero tante dichiarazioni di principio, slogan, racconti personali e collettivi, ma tutto sommato poche proposte concrete, liste di cose da fare, obiettivi da raggiungere a breve, medio e lungo termine. Negli anni Settanta il movimento femminista italiano vinse – non da solo, assieme ai partiti e agli uomini – su obiettivi concreti come l’aborto e il divorzio. Poi svaporò. Per non fare la stessa fine ci vuole un’agenda di obiettivi precisi e concreti, subito.”

Quindi pensieri e prassi, e condivisione, sono il primo passo.

Aggiungo solo due/tre altre considerazioni, davvero a pelle, sul SNOQSiena mentre seguivo la giornata via twitter ho sentito fastidio quando sono apparse le solite voci della politica (pure apprezzando le singole voci di destra e di sinistra, e l’organizzazione che ha saputo contenere tutti gli interventi entro i 3 minuti; scelta che sento come molto democratica). Ma resta il (mio) bisogno che a raccontare siano ora altre voci, non le stesse, non le solite, che le voci siano più polifoniche; sarà che oramai la rete mi ha abituato/insegnato che il valore delle persone è molto più diffuso, e non sempre corrisponde con i centri di potere.

Infine resta, grazie anche agli articoli citati, la sensazione di una pluralità di voci, che sembra concentrarsi su un punto: occorre passare ad azioni plurali, piccole e grandi, condivise (se non nelle logiche nella capacità di accogliere in un comune orizzonte di senso), in rete e nella propria vita, in piccoli gesti, o nelle manifestazioni, nel lavoro. Qualcosa che non è sempre necessariamente figlio di una regia dall’alto, ma sembra comunque funzionare in modo coordinato, auto organizzato.

E questo “occorre” non indica più qualcosa che si farà, ma qualcosa che è già in azione.

Almeno questo è il mio pensiero.


Lascia un commento

Ma la faccenda “quote rosa” non era risolta?

Si intenda che la domanda è retorica nonchè ironica.

Cito il fatto quotidiano, nella sua versione on line che apre con un bel paginone web che ri-cita il “se non ora quando”.

Appunto se non ora quando?

I dati citati sono sconfortanti, non se ne avevano dubbi ma … rivederli – nuovamente – in prima pagina e in un momento in cui tutti insistono a dire che il vento sta cambiando, getta in ulteriore sconforto.

Il ” se non ora quando” evidentemente non è per le donne. Evidentemente il 50% circa della popolazione non è ancora abbastanza “massa critica” per ricevere pari diritti e pari lavoro.

Per quanto irritino tanto le posizioni ultra-vetero-femministe, trovo peggiore il finto buonismo dei misogini, che celebrano una parità che non intendono esercitare.

Siamo tutti persone, non esiste una reale differenza di genere, siete voi donne che proclamando la differenza di genere vi isolate, vi rendete elitarie e quindi non accessibili, la differenza di genere è solo un fatto culturale, e così via. Anche le motivazioni maschili più intelligenti, talvolta scadono in una misoginia da eccesso di parità. Che indirettamente nega i dati.

Tristissimi e sconfortanti.

E se anche è passata l’iniziativa sulle quote rosa .. nessuno se ne è dato per inteso, nel momento di cambiamento (elezioni comunali e provinciali) in cui era possibile dare una altra svolta. I partiti in questo genere, a destra o a sinistra sono strutture monolitiche e a struttura maschile.

La crisi che li attanaglia forse parla anche di questo, di un’idea piramidale del potere, di non saper pensare, vivere e gestire sia la responsabilità diffusa, che la capacità di lavorare in modo cooperativo; si osserva la fatica a condividere e alternarsi al potere e alla gestione dei sistemi.

Insomma tutto questo non sembra essere è cosa da maschi. Almeno stando ai dati.

Anche quando la crisi dei sistemi indica una necessaria inversione di rotta.

Il cadreghino (da cadrega – sedia in milanese -) resta incollato al simpatico retroschiena maschile.

Cito il Fatto Quotidiano:

“Ai ballottaggi erano rimaste in quattro, dopo il voto non ne è sopravvissuta neanche una. Un voto, quello del 29 e 30 maggio, dove indubbiamente ha tirato aria di cambiamento, ma nemmeno un alito di vento è soffiato su un dato di fatto: i municipi italiani restano allergici al rosa. Se rimane qualche dubbio, basta fare un passo indietro e dare uno sguardo agli eletti al primo turno, per accorgersi che la situazione è altrettanto desolante: su 1.184 sindaci, solo 118 eletti sono donne, ovvero meno del 10% del totale (leggi l’articolo di di Natascia Gargano e Lorenzo Bordon). E se la politica al femminile piange, non sta meglio il mondo dell’impresa. Perché, nonostante un accesso al lavoro più paritario, restano pochissime le donne ai vertici delle aziende che sono quotate in Borsa (leggi l’articolo di Alessio Pisanò)

e ancora, dal Fatto Quotidiano :

“D’altra parte, questi risultati non sono un fulmine a ciel sereno: basta guardare ai numeri di partenza. Dei quasi 4.000 candidati in corsa per la poltrona da sindaco il 15 e 16 maggio, solo 557 erano donne, un misero 14% del totale (dati Anci). La maglia nera del machismo municipale se l’è guadagnata la Campania, con 30 donne in corsa (7%) contro i 385 candidati maschi. Ma anche nelle Marche, la regione più virtuosa d’Italia in quanto a democrazia di genere, la percentuale di candidate non ha raggiunto il 20 percento: per i 29 comuni in rinnovo di cariche, hanno corso 77 candidati sindaco di cui 62 uomini. Senza contare le elezioni in cui delle donne non si è vista nemmeno l’ombra: sono state più di 800 le sfide disputate esclusivamente da aspiranti primi cittadini del sesso forte, in perfetta par condicio dal Nord al Sud della Penisola. Tra queste, ben 8 hanno riguardato capoluoghi di provincia: Trieste, Pordenone, Latina, Benevento, Napoli, Catanzaro, Reggio Calabria e Carbonia”

Godiamoci questa straordinaria sensazione.

Oppure provare a capire i modelli che funzionano e al solito rimboccarci le maniche senza dare alla politica respiro e possibilità di governare e legiferare senza di noi, e senza averci ascoltate, (ibidem):

“A dare l’esempio, come capita spesso nelle pari opportunità, sono i paesi scandinavi. La Norvegia rappresenta infatti un punto di riferimento essendo stato il primo paese ad adottare una legislazione sulle quote rosa nelle imprese. Introdotta nel 2003 dal ministro del commercio e dell’industria (non da quello per le pari opportunità), questa legislazione obbliga le imprese all’obiettivo di avere almeno il 40% di donne nei CdA delle società quotate in borsa. In caso contrario, se tale cifra non venisse raggiunta, sono previste sanzioni economiche o addirittura lo scioglimento aziendale. Anche la Germania si è data da fare. Kristina Schröder, ministro federale della famiglia, ha espresso l’auspicio di ottenere il 20% di presenza femminile nei CdA entro il 2015. Se questa soglia non venisse raggiunta entro questa data, il ministro proporrà un testo che stabilisca una quota obbligatoria. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il ministro della giustizia della Baviera, Beate Merk, che si è detta a favore di un quorum tra il 15 e il 20% in vista del finale 40%. Sul versante delle imprese, la Deutsche Telekom rappresenta un esempio unico, essendosi volontariamente prefissata l’obiettivo di raggiungere la quota del 30% entro il 2015.

Obiettivi in linea con quanto proposto dalla commissione Femm del Parlamento europeo, che fissa al 30% la presenza femminile entro il 2015 e al 40% entro il 2020. Come raggiungere questi obiettivi? Secondo le relatrici Rodi Kratsa-Tsagaropoulou e Marina Yannakoudakis, gli stati membri si devono impegnare per eliminare i classici ostacoli alla carriera femminile, introducendo misure come un maggiore congedo di maternità, interruzioni di carriera, flessibilità degli orari e agevolazioni per i genitori (asili nidi e doposcuola). E poi ancora un insegnamento specifico per imparare a conciliare vita personale e professionale e corsi di accompagnamento.

Adesso, prima che la parola passi alla Commissione europea, sarà il Parlamento a dover votare nel suo insieme le due relazioni nella plenaria di luglio. Certo al momento l’Ue non sta dando il buon esempio, visto che su 27 Commissari Ue solo 9 sono donne, con i pesanti portafogli di Mercato interno ed Energia saldamente in mani maschili. Uomini sono anche il Presidente del Consiglio europeo e tutti i leader dei 7 gruppi politici al Parlamento europeo, con l’eccezione di Rebecca Harms, copresidente dei Verdi. Un passo avanti è stato fatto con la nomina di Catherine Ashton a capo del Servizio di politica estera Ue, ma di strada ce n’è da fare ancora parecchia.”

Se ne è già detto su questo blog:

Quote Rosa

Se non ora quando

13 febbraio 2011

Lavoro al femminile

Lavoro Cooperativo


11 commenti

Se non ora quando … rimbalzando qui e là

Se non ora, quando … è il carpe diem che risuona nei social, rimbalzando dalla quotidianità, dai media, dal lavoro, dalle pratiche familiari e dai pensieri che si stanno muovendo ….

Insomma il nostro tempo di attesa è scaduto, sembra che sia ora di fare le cose, e non solo – da un osservatorio tutto femminile – iniziare a raccontare, mostrare, spiegare, professare ciò che già facciamo …..

Una delle critiche più tristi – umanamente triste – che ho ascoltato, e fatta da parte da molte  parlamentari Pdl, è quella che per loro la lotta per la dignità femminile è  ciò fanno ogni giorno.

La prima osservazione, ovvia, che pongo è: e allora? Non è ciò che facciamo un pò tutte? E allora perchè lo raccontano come si trattasse di un mero ed insindacabile fatto personale, unico, irripetibile e strordinario?

Eppure ricordo momenti in cui le donne in parlamento hanno saputo essere trasversali in un paio di occasioni. Ma sembra appartenere ad un altra storia.

Mi dispiace perchè la dignità, come i grandi temi non è mai individuale, o meglio si può concretizzare nella propria quotidianità; fa parte delle scelte personali e insindacabili, fa parte della capacità di assumersi le proprie responsabilità ma resta – anche – un fatto collettivo, civile, sociale e politico.

Inoltre una donna politica, come una professionista, rende pubblico e “professa” inevitabilmente le proprie scelte anche in termini di visibilità.

Può “dire” che i suoi comportamenti pubblici e privati sono scissi.

Può dirlo.

 

Ma come donne (eppure so che vale anche per gli uomini, ma posso parlare e guardare dal mio specifico sguardo femminile, mi riesce più facilmente) sappiamo che le scissioni non sono così facili. Siamo dannatamente complessi e stratificati, sappiamo che il nostro sguardo risente dei nostri percorsi di vita, delle scelte, e di molti altri aspetti; possiamo cercare la coerenza, possiamo imparare a distinguere meglio tra pubblico e privati (anzi dobbiamo farlo). Ma la nostra vita resta anche un fatto pubblico.

Questa è una ambivalenza, credo, irrisolvibile. Si può cercare una vita segreta e lontana dalla quotidianità, magari in un eremo. Ma a quel punto si sceglie altrimenti, no?

Allora la dignità ci appartiene e riguarda come fatto pubblico, fatto di cui trattare, senza sfuggire al necessario ingaggio: se non ora, quando?

Di mio faccio questo: sto cercando – ogni giorno – e con immensa fatica di staccare il pensiero dal “berlusconismo” e pensare alla questione femminile e alla questione italiana staccandola dai reati, dai moralismi, dalla lotta aspererrima, sul lancio di alcune lordure . Ciò che accade è la punta di un iceberg di una società che è in crisi, che segmenta il paese in buoni e cattivi, maschi e femmine, furbi e tonti, santi e reprobi.

Incapace di integrare e guardare la propria complessità….

Ma sottotraccia le donne stanno facendo tantissimo, e da un bel pò di tempo, è ora di professarlo, esporlo, dichiarare le proprie buone prassi.

E qui le donne dei social network (nella dichiarazione esplicita di alcune questioni o nell’uso di una strumento che elabora, facendolo, pubblico e privato) sono spesso piuttosto avanti, ammettiamolo…

Non per dire che femminile è meglio, ma per dire che il 50% di un paese fa e sa fare bene. Partiamo da qui: 50% che (può) fare impresa, che espone professionalità alte e alte dignità (dignus – meritevole > merito), che lotta per figli&lavoro&famiglia&propria professione e che ha un reddito iniquo rispetto alle abilità professate.

Insomma è cosa degna di essere narrata, e pretesa e rivendicata laddove esempio le donne hanno meno accessi a certe zone del mondo del lavoro …

La dignità è ancora un fatto – solo – personale?

Si, ma anche no.

Non se ne potrebbe parlare?


Lascia un commento

Ripartire dall’ABC

Va da se che alle volte, nonostante mi abbiano insegnato il valore pedagogico del resistere (al cambiamento … Educativo), devo ammettere che l’educazione non e’ cosi’ omnipresente e la resistenza a capire a volte e’ proprio (proprio) capziosa e innaturale.

Allora va in questo senso l’insistita pretesa che la manifestazione del 13 febbraio in tutta Italia – “se non ora, quando?”non sia altro che una forma di becera di moralismo di una sinistra vecchia ed esausta. Lo hanno detto molto chiaramente le”deputate /amazzoni” del Pdl, intervistate per L’infedele, di Gad Lerner. Loro per questo non ci saranno alla manifestazione, figlia della sinistra bacchettone, loro che combattono per la dignità giorno per giorno, in silenzio e privatezza. Sembra che la lotta per la dignità sia diventata solo un fatto individuale e non anche un fatto collettivo. Ma forse non sanno che le donne italiane perdono lavoro e credibilità professionale a partire dal primo figlio?

Così tanto per tirare in ballo ” un fatto”  banale….

L’infedele ieri sera ne ha parlato, ma la puntata non l’ho ancora trovata da pubblicare …

E ad essere onesti forse non hanno tutti i torti, laddove l’agone politico sembra  piuttosto sfruttare il fastidio per le prassi erotiche di un vecchio premier, che non gli eventuali reati ad esso connessi.
Eppure forse se  siamo onesti laddove i nostri vecchi hanno manifestato ancora gusto della vita, con intelligenza, pudore, savoir faire, desideri fisici, alimentari e intellettuali …  (forse)  ne siamo stati, persino, lieti;  laddove questo ci diceva che negli anziani (il nostro futuro prossimeo venturo) prima della morte c’è ancora tanta vita, forse speranza.
Certo il senso della misura, dopo una certa eta’, sarebbe opportuno per non cadere nel grottesco, ridicolo e penoso. Come accade.

Ma pazienza, non facciamo i moralisti. Sono i reati che contano, non il viagra.
Ricordiamocelo.

Mentre la liberazione sessuale, la legittimazione di questa parte della (nostra) vita …  e’ un patrimonio storico ed intangibile di questo paese, del 50% del paese.

Noi donne.


Una parte legittimata, se non lo ce dimentichiamo, insieme alla conquista di una serie di diritti e di possibilità, servizi che la crisi economica e una politica vetusta, antiquata e maschilista, soprattutto molto ignorante (lega) o imbelle (pd), stanno erodendo.

Abbiate pazienza saremo in piazza non perchè schifate dal sesso di un vecchio, ma per i diritti, per il futuro, per il lavoro, per i servizi, per la maternità, per la famiglia e tutte le questioni che richiedono dignità, attenzione, finanziamenti, cultura e rispetto.

Abbia pazienza il signor b., se si colloca nella legalità potrà continuare a fare ciò che gli pare, basta che non sia a spese nostre, che non sia a carico del paese, che  non ci esponga al ridicolo internazionale (si sa che i contratti a volte “saltano”, se si risulta essere il paese di Pulcinella, o quello delle banane, insomma laddove la serietà non è garantita), basterebbe che non ci danneggiasse, e soprattutto basterebbe smettesse di voler essere il centro dei pensieri del paese.

Al limite, noi, ci potremo tenere quel senso di pietà e disgusto che vien fuori davanti alle persone che hanno perso il senso della loro dignità.

Per il  resto mi pare equo, no?