PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome


Lascia un commento

Stare zitte, no?

Altra idiosincrasia da palestra. Ho sudato, pensato, ascoltato, usato quel dannato tapis roulant come una montagna, piano forte, sali scendi, veloce lento …

L’arietta, freddina eh …  che entrava dalle finestre aperte profumava di acacia.

All’arrivo lo spogliatoio era deserto, ma al ritorno ere ripieno delle signore palestranti, che parlavano.

Sarà che avevo dei rospi sullo stomaco che non andavan giù, sarà che quando mi “riunisco” con il mio corpo ho voglia di non sentire scemenze …

Ma mi piacerebbe un decreto migliorativo che vieti di parlare negli spogliatoi. Ne guadagneremmo tutti.

Annunci


5 commenti

Funerali

è di moda applaudire ai funerali.

incapaci di resistere all’attimo di silenzio che attornia una emozione.

la morte non è un atto di bravura, per quanto sia, certo, una opera prima, una prima volta.

(in realtà nemmeno un matrimonio lo è ma oramai si applaude a prescindere, azzerando gesti simbolici e momenti di silenzio).

si vive con l’applauso inside>tv docet?

che sia una prima risposta al post precedente?

wikipedia: alla voce applauso

L’applauso è fin dall’antichità un modo per esternare la propria approvazione e il proprio consenso a una o più persone. Già gli antichi romani applaudivano i gladiatori vittoriosi nelle arene. Tale manifestazione consiste nel battere i palmi delle mani ripetutamente producendo un suono secco e forte, che solitamente unito agli applausi di altre persone risulta simile a uno scroscio. Nell’ antica Mesopotamia gli applausi venivano utilizzati per coprire le grida delle vittime sacrificali durante i riti religiosi. Le situazioni che richiamano un applauso sono tipicamente individuabili al termine di spettacoli, concerti (al termine dei brani), recite teatrali, anche al seguito di battute particolarmente consone alla situazione e divertenti, eventi sportivi nei quali si vuole sottolineare la bravura del campione per il quale si fa il tifo.

un gesto imbecille? forse!